Cazzo, vorrei aggiungere una foto ma non riesco.

Ok, fa lo stesso.

Forse è il fatto di natale che ti porta a voler tirare delle somme, forse è che tra un po’ finisce pure sto 2011 e hai voglia di ripercorrere ciò che hai vissuto, forse è che sono le tre e mezza di sabato pomeriggio, non c’è un cazzo da fare fino a stasera e ti vien voglia di scrivere due robe.

Sul tour. Lights On, lights Out. Lo ammetto, un po’ i Nirvana li ho citati.

Tante cose, tanto rapide, tanti nuovi amici, tanti nomi, tanti ricordi e ringraziamenti. Per primo io. Non ho più voglia di falsa modestia. Tutto questo è il risultato di “un culo così”, un po’ un’azione terapeutica del sè. Poi è chiaro che i fratelli, gli amici e le facce che ti sorridono attorno fanno il resto.

E’ ricominciato tutto un po’ per gioco. Com’era iniziato la prima volta, del resto. Dopo la presa di posizione che “a trent’anni forse è meglio darsi una regolata” ed il conseguente senso di nausea il nuovo EP ed i live son venuti fuori naturali.

58 date ad oggi, un EP, rockit, l’amicizia di Nicola Setti, Angus McOg, Giada e del Collettivo Vulcanophono, di Luca e dei Classic Education (in assoluto la band più cazzuta d’italia), Dave “er Bombanella”, la Bea e la band, ultima ma non per importanza, questo mai.

La cosa bella è reimpossessarsi del live come forma naturale e primitiva di comunicazione e diffusione. Questo mi mancava. Io ansioso cronico, con le vertigini prima di salire sul palco. Ora non riesco a stare senza.

Grazie a tutti coloro che:

mi seguono, mi supportano, comprano il mio cd, cliccano “mi piace” su fb, assaporano il live, se ne fregano se tanto il cantato è in inglese, si fermano a fumare una paglia dopo il concerto, credono nei pezzi di questo progetto, grazie a Silvia, che c’è sempre e comunque.

In assoluto grazie alla band.

Mio fratello Paolo (gran bassista) e Matteo il batteraio (anche se, quando fa tardi mi fa girare le palle!)

Nel 2012 non ci si ferma.

Ci sarà un nuovo EP con la partecipazione di amici.

Ci sarà la collaborazione con l’ottima etichetta milanese Eclectic Circus.

Ci sarà un altro tour in USA.

Ci sarà da divertirsi.

Ed.

Annunci